Così candido…

Infinito che m’abbracci

così candido d’amore

sembri per me quel Tutto

che cerco da sempre fuori me

ma che è invece concentrato qui

nell’amore incondizionato

che l’infinitezza porge

silente…prezioso…immenso

spazio…luogo…tempo

me nel tu e nel me

come fossimo nell’abbraccio

l’indivisibile condivisione

dell’eternità posseduta dentro

così unita ad altro eterno.

Infinito che m’accarezzi

con quel fruscio ventoso

che alita presente e vivo

di mille agoniate altre propulsioni

che creano la vita nell’attimo

e m’accarezzo mentre

tristezza di mesto è sospesa

nella dolcezza di me stessa

quasi piegata nelle ferite

d’accorgersi d’un vuoto dentro

così carezzato invece dolcemente

da vento lieve e soffice

d’esser viva e pronta sempre

a sentir anima pulsare dolce

d’esser qui ancora

a scrivere della poesia diffusa…

 

Visited 1 times, 1 visit(s) today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *